Lo sapevi? Esenzione da bolli per le ASD: Interessanti risparmi per tutti!

Lo sapevi? Esenzione da bolli per le ASD: Interessanti risparmi per tutti!

Cosa avrò trovato di non regolare, la settimana scorsa, quando mi sono recato in banca delle verifiche sul conto della ASD che dirigo ed ho chiesto chiarimenti sui bolli nel conto corrente?
Come saprete, periodicamente, vengono addebitate alcune decine di euro sul conto corrente per “recupero bolli”. Ma le ASD sono esenti da questi costi fin dal 1° gennaio 2019!

La Legge di Stabilità 2019

Con la Legge del 30/12/2018 n° 145, pubblicata in G.U. il 31/12/2018, è stato esteso dal Governo Conte l’ambito soggettivo della previsione agevolativa del citato art. 27-ter. Significa che l’esenzione dall’imposta di bollo, con effetto dall’1/1/2019, viene estesa anche per gli atti, documenti, istanze, contratti, copie, estratti, certificazioni, dichiarazioni e attestazioni posti in essere o richiesti dalle associazioni e società sportive dilettantistiche senza fini di lucro riconosciute dal CONI. Fino al 31/12/2018 questo vantaggio era riservato solamente a Onlus, Federazioni Sportive Nazionali ed Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal Coni.

I dubbi interpretativi

Non sono mancate interpretazioni ed interrogativi degli addetti ai lavori: i dubbi sono giunti con domande ufficiali alla Agenzia delle Entrate, la quale con la risposta n° 361 del 30 agosto 2019 conferma l’esenzione dell’imposta di bollo sugli atti e documenti delle associazioni e società sportive dilettantistiche, tra cui spiccano le ricevute sui corrispettivi e gli estratti di conto corrente.

Cosa fare, quindi?

Agenzia delle Entrate ha ufficializzato che le ricevute esenti IVA che le ASD e SSD rilasciano per le quote associative e quote attività versate da soci e tesserati alla stessa organizzazione nazionale (ex art 148 TUIR), poiché prestazioni in conformità alle finalità istituzionali (e come tali non soggette ad IVA) non sono più soggette a bolli.

L’esenzione, aspetto più interessante, si applica anche agli Atti Costitutivi e Statuti delle ASD e SSD, alle ricevute per indennità e rimborsi ed anche agli estratti di conto corrente, poiché ad avviso dell’Agenzia il termine «estratti», che figura nell’art. 27-bis, include anche i documenti con informazioni in ordine alla gestione finanziaria del conto corrente.

E la banca?

Puoi immaginare l’espressione dell’impiegato allo sportello che, nel fare la verifica, mi ha detto “non penserai che la banca non applica la legge?” per poi scoprire che nell’estratto conto della ASD che presiedo… i bolli erano stati “regolarmente” addebitati.
Gli ho lasciato i riferimenti di legge ed il documento dell’Agenzia delle Entrate… Sono in attesa del rimborso dei bolli non dovuti!

A questo link trovi l’intero documento dell’Agenzia delle Entrate

Fai anche tu un controllo dell’estratto conto e recati in banca per segnalare inesattezze!
Porta con te il nostro articolo 😉

2 commenti su “Lo sapevi? Esenzione da bolli per le ASD: Interessanti risparmi per tutti!”

Lascia un commento