SPORT e DEFIBRILLATORI – aggiornamento di fine 2021

Con la Legge n° 116 del 4 agosto 2021, in vigore dal 28/08/2021, si pongono delle modificazioni al famoso Decreto Balduzzi del settembre 2012, in tema di cardioprotezione in ambiente sportivo. Avevamo già scritto al riguardo, nel luglio 2017, quando il decreto del ministro della Salute Beatrice Lorenzin e del ministro dello Sport Luca Lotti  avevamo disposto le condizioni di obbligo (vedi questo articolo). Oggi andiamo ad integrare l’informativa con queste nuove disposizioni (la norma aggiornata la trovi qui).

Le SSD dovranno dotarsi di un DAE anche negli allenamenti

Con la precedente normazione, il DAE era reso obbligatorio esclusivamente nelle competizioni, adesso invece si estende l’obbligo anche durante gli allenamenti sportivi organizzati dalle Società Sportive Dilettantistiche. Infatti, l’articolo 4 della Legge 116/2021 va a modificare il comma 11 del DL 13 settembre 2012 che assume questa formulazione (le modifiche sono evidenziate):

  1. Al fine di salvaguardare la salute dei cittadini che praticano un’attivita’ sportiva non agonistica o amatoriale il Ministro della salute, con proprio decreto, adottato di concerto con il Ministro delegato al turismo e allo sport, dispone garanzie sanitarie mediante l’obbligo di idonea certificazione medica, nonche’ linee guida per l’effettuazione di controlli sanitari sui praticanti e per la dotazione e l’impiego, da parte di societa’ sportive sia professionistiche che dilettantistiche, di defibrillatori semiautomatici e automatici (DAE) e di eventuali altri dispositivi salvavita nelle competizioni e negli allenamenti.

Le SSD devono condividere e dichiarare il DAE

Dal 28 agosto 2021 il defibrillatore di proprietà di una SSD che utilizza impianti sportivi pubblici, dovrà essere reso disponibile a tutti gli utilizzatori di quell’impianto. Il dispositivo, inoltre, dovrà essere registrato presso il sistema di emergenza sanitaria «118» territorialmente competente al fine di renderlo utilizzabile per ogni eventualità.

La legge 116/2021 aggiunge il comma seguente:

11-bis. E’ fatto obbligo alle societa’ sportive di cui al comma 11, che utilizzano gli impianti sportivi pubblici, di condividere il DAE con coloro che utilizzano gli impianti stessi. In ogni caso, il DAE deve essere registrato presso la centrale operativa del sistema di emergenza sanitaria “118” territorialmente competente, a cui devono essere altresi’ comunicati, attraverso opportuna modulistica informatica, l’esatta collocazione del dispositivo, le caratteristiche, la marca, il modello, la data di scadenza delle parti deteriorabili, quali batterie e piastre adesive, nonche’ gli orari di accessibilita’ al pubblico. Dall’attuazione del presente Comma non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

Chi può utilizzare un defibrillatore?

La Legge 116/2021 modifica la precedente LEGGE 3 aprile 2001, n. 120 sull’utilizzo dei defibrillatori semiautomatici in ambiente extra ospedaliero, sostituendone l’art.1.

La norma precedente consentiva l’uso del defibrillatore semiautomatico o automatico al personale sanitario non medico, e al personale non sanitario che abbia ricevuto una formazione specifica nelle attività di rianimazione cardiopolmonare. Da agosto 2021, in assenza di personale sanitario non sanitario formato, nei casi di sospetto arresto cardiaco, è comunque consentito l’uso del defibrillatore semiautomatico o automatico anche a chi non sia in possesso dei requisiti.

A scanso di ogni timore, viene esclusa la responsabilità penale (all’art.54 del C.P.) per colui che non essendo in possesso dei requisiti utilizzi un defibrillatore o procede alla rianimazione cardiopolmonare, nel tentativo di prestare soccorso a una vittima di sospetto arresto cardiaco.

Le ASD invece?

Per le ASD nulla cambia rispetto alla normativa precedente: nessun obbligo in allenamento, obbligo di possesso del DAE durante le gare inserite nei calendari delle Federazioni sportive nazionali, durante lo svolgimento di attività sportive con modalità competitive ed attività agonistiche di prestazione organizzate dagli Enti di promozione sportiva, ovvero da altre società dilettantistiche.

Leggi qui per la normativa precedente

Iscriviti alla nostra newsletter, riceverai i nostri aggiornamenti ed una guida gratuita.

Non useremo la tua mail per altri motivi e potrai cancellarti in ogni momento.

Lascia un commento