Quando registrare modifiche allo Statuto?

Quando registrare modifiche allo Statuto?

Una domanda importante, per i costi della procedura e per le eventuali sanzioni in caso di mancanza, è “Quando devo nuovamente registrare lo statuto?”

Ricordiamo che registrare lo Statuto è indipensabile in fase di costituzione (qui abbiamo spiegato come fare), ma è altrettanto importante ripeterla in determinate occasioni, per evitare sanzioni: la mancata registrazione comporta una sanzione fino a 240% dell’imposta (fino a 480€ , se dovuta).

La procedura deve essere svolta entro 30 giorni dalla delibera, consegnando allo sportello il verbale di assemblea, copie dello statuto aggiornato, f23, bolli, mod. 69 opportunamente compilato, documento d’identità del Presidente, eventuale delega.

Essere beccati in fallo può costare molto caro, probabilmente per questo molti consulenti suggeriscono di registrare ogni modifica. Perchè, però, sprecare risorse preziose, visto che ci sono da pagare sempre €200,00 di tassa, oltre ai bolli da €16,00 ogni 100 pagine, fare la fila allo sportello?

Esistono le “modifiche statutarie non registrate”!

Vediamo, quindi, quali modifiche allo statuto bisogna registrare in Agenzia delle Entrate e quali no!

Le associazioni costituite per scrittura privata non autenticata, ovvero tutte quelle non riconosciute e/o non costituite tramite atto pubblico, devono registrare soltanto queste modifiche:

  • Cambio di sede legale: l’indirizzo esatto viene indicato, in genere, all’articolo 1 e l’eventuale cambio va sempre deliberato in Assemblea dei Soci,  e poi aggiornato sullo Statuto (salvo previsioni statutarie differenti).
  • Cambio degli scopi sociali: di solito è l’art. 3 di ogni statuto. Se si decide di cambiare o integrare l’attività svolta (tipo di sport praticato, ad esempio), bisogna sempre passare prima dall’Assemblea e poi dall’ufficio dell’A.E.
  • Cambio di denominazione: anche questa, riportata nell’art. 1, richiede nuova registrazione e approvazione dell’Assemblea dei Soci.

Queste modifiche, potrebbero comportare un aggiornamento al Codice Fiscale, leggi qui.

La modifica di ogni altro articolo di Statuto, che riguardi l’organizzazione e la gestione dell’associazione, NON comporta l’obbligo ed i relativi costi di registrazione presso gli uffici competenti:

  • Si decide di modificare l’anno sociale da sportivo a solare o viceversa? Nessuna registrazione!
  • Si decide di abrogare articoli ridondanti o organi non necessari (collegio dei probiviri, sindaci, ecc)? Nessuna registrazione!

Quali sono le associazione non riconosciute o costituite per scrittura privata non autenticata? Tutte quelle dove lo Statuto è stato redatto privatamente (fai da te o consulente) e registrate in Agenzia delle Entrate (certamente anche la tua).

Il censimento Istat, al 31 dicembre 2011 individuava il 66,7% delle istituzioni non riconosciute, mentre solo il 22,7% sono associazioni riconosciute.

Attenzione, invece, alle associazioni costituite tramite un notaio (quindi per atto pubblico) oppure alle SSD: in quel caso subentra la condizione dove ogni modifica deve passare sempre per l’Assemblea dei Soci, alla presenza di un notaio.

Lo statuto modificato e non registrato, è valido? E’ applicabile?

Certamente, le associazioni non riconosciute, utilizzano l’ultimo statuto approvato da un’Assemblea dei Soci!
La mancata registrazione è un errore formale, che porterà solo ad una eventuale sanzione, se verrete scoperti entro i 5 anni successivi.

Non ci credi? Vedi il DPR 131/86 ART. 18 😉

Ancora una volta, Asd Fisco Sicuro ti permette di risparmiare tempo e denaro! Per tutti i dubbi, non esitare a commentare qui sotto oppure a scrivere una mail a asdfiscosicuro@gmail.com

12 commenti su “Quando registrare modifiche allo Statuto?”

  1. Salve,nel 1994 ci siamo costituiti come associazione Asd ,alla Federazione Motociclistica Italiana ,nel 2005 la federazione ci chiede l’aggiornamento,l’abbiamo effettuato e vidimato in Federazione, nel 2009 ci viene richiesto il codice fiscale x la società, lo effettuiamo, e ora nel 2018 ci chiedo o di registrarlo all’agenzia delle entrate..vi chiedo cosa tutto devo fare??

    • Come dire… Non siete mai stati in regola!

      La registrazione doveva essere svolta già dal primo momento, insieme alla apertura del CF.
      Ora dovete provvedere alla registrazione tardiva di atto e statuto, con le relative sanzioni.

      Affidatevi però a dei buoni consulenti!

  2. Salve abbiamo costituito un asd nel aprile 2017regolarmente registrata … vorremo Modificare e passare da anno sportivo ad anno solare per quanto riguarda il rendiconto annuale…questo modifica necessità di registrazione all’agenzia delle entrate ?
    cordiali saluti
    Grazie

  3. Buongiorno volevo sapere cosa è necessario fare nel seguente caso:
    – associazione ASD atto costitutivo anno 2004
    – attribuzione codice fiscale anno 2005 con riferimento al primo rappresentante legale
    – affiliata a CSI
    – attività svolta sportiva di squadra con partecipazione a tornei,
    – atto costitutivo e statuto mai registrato
    – nel periodo sono state svolte solo attività istituzionali
    Oggi 2018 cosa è necessario e/o più opportuno fare e qual’è l’onere per regolarizzare la situazione essendoci un nuovo Consiglio Direttivo e nuovo Presidente come rappresentante legale, che è succeduto nel tempo ad altri Presidenti dell’ASD.

    Grazie, Marco

  4. Buongiorno,

    sono il presidente di una A.P.S. appena costituita e registrata; il tesoriere vuole dimettersi, è necessario modificare lo statuto e/o atto costitutivo?

    Ringrazio anticipatamente
    Federica

    • No! L’atto costitutivo non potrà mai più essere modificato.
      Lo statuto non richiede interventi con le dimissioni dei componenti del direttivo.
      Dovrete, in base ad esso, eleggere un nuovo tesoriere.

    • Per rispondere alla domanda abbiamo bisogno di molti più elementi: tipologia di associazione, anno di costituzione, affiliazioni, attività svolte…
      In linea generale, la registrazione tardiva è possibile con le relative sanzioni.

  5. Buongiorno, siamo una ASD di Beach Volley e abbiamo esigenza di modificare lo Statuto. Dopo la lettura del presente articolo, abbiamo deciso di NON registrare il nuovo Statuto all’Agenzia delle Entrate perché le modifiche apportate sono più che altro di carattere secondario, ovvero:
    – Possibilità di affiliarsi non solo alla Federazione ma anche ad altro Ente di Promozione Sportiva
    – Consiglio direttivo da 6 a 3 elementi
    – Cariche sociali da 2 a 4 anni prima della nuova elezione

    Sul Verbale di approvazione di questo nuovo Statuto invece che
    “Il Presidente viene incaricato di compiere tutte le pratiche necessarie per la registrazione del presente atto chiedendo l’esenzione dell’imposta di bollo e di quella di registro come previsto dall’art.8 della L.266/91. Il Presidente ed il Segretario vengono incaricati alla sottoscrizione del presente atto e dell’allegato Statuto.”

    saremmo felici di scrivere qualcosa tipo:
    “Visto che le modifiche al precedente sono di natura secondaria, il Presidente intende NON registrare il nuovo Statuto presso l’Agenzia delle Entrate”.

    Secondo voi potrebbe essere corretto?
    Quale potrebbe essere una frase formale che intende questa cosa e che si possa inserire nel Verbale?

    • Salve Daniele,
      si parla di nuovo statuto oppure di modifiche? Se fosse nuovo, va registrato per intero, sulle modifiche si può evitare.
      in ogni caso: la modifica alla compagine direttiva (componenti e durata) è una modifica sostanziale che va registrata.
      La modifica delle affiliazioni, al contrario, non è sottoposta a registrazione.
      Perché richiedere esenzione ai sensi della 266/91, siete una ONLUS? In quanto ASD non avete diritto ad alcuna esenzione.
      Non serve inserire alcuna frase di chiusura.

Lascia un commento