“Tranquillo, tanto non passano mai!” – Storiella di una verifica fiscale

“Tranquillo, tanto non passano mai!” – Storiella di una verifica fiscale

E se… ci fosse una talpa tra i tuoi iscritti?

E’ un giorno come tanti altri, presso una ASD italiana. I corsi sportivi procedono come sempre, gente che va e viene.

Chi deve iscriversi si rivolge alla segreteria, stessa cosa chi deve versare le quote per le varie attività: tutti gli addetti sono impegnati nelle loro mansioni, nelle sale si svolgono i corsi.

Nulla di strano, nulla di preoccupante. Eppure… qualcosa sta per accadere! 

Tra i tanti che frequentano, da molto tempo, c’è una persona che senza dare nell’occhio sta raccogliendo informazioni: con le domande più normali e semplici chiede altre notizie dell’associazione, con la scusa di dirlo agli amici porta via dei volantini, si registra nella pagina facebook dell’ASD, fa amicizia con tutti e condivide esperienze. Frequenta alcune lezioni, versa le quote relative. Apparentemente è un frequentatore come gli altri.

Dopo qualche tempo, però, questo tizio inizia a fare domande più strane: come funzionano le promozioni e gli sconti? Chi è il Presidente? Quando c’è l’assemblea dei soci? Mi rilasci una ricevuta delle quote? Chi è addetto ai dati sensibili?

A chi gestisce l’associazione, inizia a venire uno strano sospetto… ma è troppo tardi!

Questo tizio è un agente in incognito, che adesso ha iniziato una verifica fiscale della ASD!

Insieme a lui, oggi, sono arrivati altri agenti, in divisa d’ordinanza, con mandato e ordine di servizio ben precisi: dimostrare che l’ASD è finta, che in realtà è una azienda! (Leggi qui un caso simile)

La procedura diventa velocissima, perché questo ispettore ha già raccolto tutte le notizie interessanti all’indagine:

  • Il Presidente è fittizio, non svolge alcun compito e non è mai presente;
  • Tutto viene amministrato da uno degli istruttori, come se fosse tutto suo;
  • Il direttivo è composto da sempre della stesse persone, membri della stessa famiglia;
  • Nessuno ha ricevuto incarico ufficiale per quanto deve fare: c’è l’amministratore che fa a voce;
  • Sui volantini appare nome e foto soltanto di questo istruttore/amministratore;
  • I recapiti (telefono e mail) sono gli stessi di questo amministratore;
  • Le tante attività vengono gestite con carattere commerciale: sconti, black friday, promozioni, iscrizioni gratuite…;
  • Le assemblee dei soci non sono mai state convocate;
  • Il consiglio direttivo è finto: non decide, non verbalizza, è riempito di prestanome;
  • Nelle sale non ci sono immagini di vita sociale: l’istruttore/amministratore è l’unica persona ritratta, con addirittura delle gigantografie;
  • Nessun bilancio redatto, poche ricevute finte emesse;
  • L’istruttore/amministratore è colui che va in banca, firma, paga…;

Come va a finire?

In meno di due ore gli agenti hanno verificato quanto già raccolto in incognito, hanno redatto il verbale della verifica e sono pronti a fare il conto!
Nel verbale vengono spiegati molto bene i tanti errori fatti nella gestione dell’associazione: adesso il Presidente sa come non sbagliare più. La lezione però è stata parecchio salata e senza possibilità di appello!

L’ASD era una organizzazione di media grandezza: 60 soci, un flusso di cassa di circa 40mila euro l’anno.
D’ufficio è diventata una azienda e quindi si passa al recupero di quanto sarebbe stato evaso: dopo alcuni giorni al Presidente viene notificata una sanzione di euro 200.000! Hai letto bene: duecentomila euro!!

Il Presidente ha scoperto in un attimo, che non è vero che “tranquillo, tanto non passano mai!”. Adesso, dovrà vendere le sue proprietà per pagare!
Tranquillo ha fatto una brutta fine!

C’era una soluzione meno costosa e più sicura?

Si! Affidarsi alla guida dei veri esperti! Affidarsi ad ASD FISCO SICURO!

Tra qualche giorno ci sarà un Incontro Formativo, dove spiegheremo tutti questi errori e vi insegneremo a non commetterli. 

Per saperne di più: asdfiscosicuro@gmail.com

A te è mai successa una cosa del genere? Racconta qui sotto la tua esperienza!

 

Lascia un commento